Chibi-Robo! Zip Lash

0

Il robottino Chibi è pronto a conquistare altri giocatori dopo essere sbarcato sul Gamecube nel lontano 2005. Ora la sua destinazione è la console portatile Nintendo 3DS, ed il suo genere di gioco scelto è un bel gioco di piattaforme.

In Chibi-Robo! Zip Lash il Nostro avrà a disposizione il suo particolare filo elettrico, alle cui estremità vi è una bella spina. Quest’ultima può essere usata per far fuori i nemici che ci attaccheranno (degli antipatici alieni che hanno deciso di invadere il suo pianeta), nonché come una pregevole frusta.

La capacità di rimbalzare di questo filo permetterà a Chibi di raggiungere zone altrimenti inaccessibili degli stage, oppure riuscire a cogliere tutti quei bonus impossibili da acchiappare.

Proprio i bonus sono il piatto forte del gioco: sebbene gli oggetti collezionabili siano dei piatti orientali veramente esistenti e decisamente estranei per i nostri gusti mediterranei, parlando dei diversi costumi indossabili dal robot le cose cambiano notevolmente.

Vedere il piccolo grande Chibi combattere con la tunica verde di Link è una esperienza delirante e molto, molto, divertente.

Il gioco è disposto secondo una classica gestione di livelli, dopo sei dei quali ci sarà il classico, apprezzato, scontro con il boss di fine livello. Questi sono resi decisamente bene, ma soprattutto è lodevole il fatto che per abbatterli sarà necessario ogni volta trovare il loro punto debole, proprio come succede nelle splendide avventure di Link in The Legend of Zelda.

Rimane leggermente straniante il fatto che dopo ogni livello regolarmente completato i programmatori abbiano previsto un curioso mini gioco per proseguire nell’avventura.

In pratica la mappa di gioco rappresenterà una sorta di tabellone, sopra il quale dovremo fare una specie di gioco dei dadi. Ogni volta che arriveremo a fine di un livello, ci saranno tre astronavi di diverso colore da colpire. Ognuna di loro nasconderà un numero che sarà attribuito al giocatore, spendibile, per l’appunto, su questo tabellone virtuale per proseguire.

Se dovessimo ottenere il numero 1 in questa curiosa roulette, non ci sarà problema e riusciremo ad avanzare correttamente, ma se i numeri saranno diversi ci potrebbe essere il rischio di tornare in un livello già completato.

Un sistema curioso che potrebbe annoiare tutti quei giocatori che vogliono solo andare avanti nella propria avventura senza alcuna perdita di tempo.

COMMENTO
Chibi-Robo! Zip Lash è un godibilissimo gioco, ideale nella sua incarnazione per il portatile 3D di casa Nintendo. Era un peccato non vedere più il robottino Ninendo combattere sulla scena videoludica dopo la sua comparsa sulla console Gamecube della casa di Mario. Ma il piccolo Chibi è tornato, con un gameplay divertente, fatte di piattaforme e combattimenti d’azione ma soprattutto ragionati, soprattutto di fronte agli immancabili boss di fine livello. La grafica è piacevole, con le animazioni di Chibi che faranno sorridere più di un giocatore. Ma il robottino non è solo simpatico, ma ha anche una sua personalità tutta sua, nello stile giapponese che tanto manca agli amanti dei videogiochi. Spiace vedere come la modalità di avanzamento dei livelli spesso sia abbastanza tediosa, ma soprattutto riesca a spezzare quel veloce ritmo di gioco ideale in un gioco del genere. L’uso del suo filo con la spina è assolutamente creativo per come è gestito, soprattutto pensando a come può essere adoperato come una frusta sui generis che abbia la capacità di rimbalzare sulle pareti, oltre che distruggere nemici, blocchi di pietra e tante altre funzioni grazie ai power up disseminati nel mondo di gioco.
7
Articolo precedenteThe Legend of Zelda: Tri-Force Heroes
Articolo successivoIl segreto dei suoi occhi
Dopo la visione di “Grosso Guaio a Chinatown” a 10 anni, la mia più grande passione è diventata il cinema. Poco dopo gli adorati schiacciapensieri vengono surclassati dall'arrivo di un computer di nome “ZX Spectrum”. Scatta così l’amore per i videogiochi e la tecnologia. E le serie TV? Quelle ci sono sempre state, da "Il mio amico Arnold" fino a "Happy Days".