Little Nightmares – The Depths

0

Il primo DLC di Little NIghtmares, titolo indie di stampo horror che ha ricevuto una buona accoglienza da parte del pubblico appassionato di videogiochi, è arrivato tra gli scaffali digitali.

Chiamato The Depths, al prezzo di poco meno di 4 euro su Steam, questo primo contenuto aggiuntivo, a cui poi ne seguiranno altri due rispettivamente a novembre ed a gennaio, ci mette nei panni del Fuggiasco, un altro bambino che si trova rinchiuso nell’orribile ed enorme galera in cui risiedono enormi mostri dalle lunghe braccia che si cibano dello loro carni.

I controlli saranno esattamente uguali a quelli che abbiamo assimilato durante l’avventura di Six: potremo camminare, correre e saltare. Fondamentale saranno poi le capacità di aggrapparsi agli oggetti ed arrampicarsi su di essi, per sfuggire alle spettrali minacce che incombono.

Proprio parlando di minacce, stavolta il giocatore avrà a che fare con poche, pochissime mostruosità. Il tema portante di questa breve avventura è l’elemento dell’acqua.

Il piccolo protagonista dovrà percorrere ambienti in cui il liquido vitale sarà quasi sempre presente, ed agire tramite leve ed interruttori affinché quest’ultima si prosciughi oppure cresca di volume, perché il giocatore possa così raggiungere obbiettivi altrimenti irraggiungibili.

Ma non sarà molto facile fuggire, perché proprio dentro la torbida acqua risiederà una orribile minaccia che rappresenterà il nemico numero uno del Fuggiasco.

Proprio per scampare dalle orribili fauci di questa nuova ed angosciante minaccia, battezzata “la nonnina”, dovremo nuotare all’impazzata oppure creare degli importanti diversivi per distrarre quello che si nasconde nelle umide profondità di questo oscuro maniero.

Le sensazioni che il giocatore prova durante i suoi tentativi per sopravvivere sono molto forti: con un impianto sonoro che concede solo piccoli accenni musicali durante le fasi più concitate, e con una illuminazione che abilmente riesce a mettere in risalto solo alcune porzioni di ambiente per creare un mosaico di ombre, l’atmosfera è sicuramente eccezionale.

Ma sebbene tutte le cose belle siano destinate a finire, nel caso di The Depths il tutto ha una durata veramente troppo esigua.

Non ci vorranno più di due ore al massimo per assicurare al suo destino il Fuggiasco, anche perché il giocatore che ha già finito Little Nightmares ha già piena padronanza delle meccaniche ludiche del gioco, consentendo all’esperienza globale di risultare ancora più breve.

COMMENTO
Carissimi programmatori di Tarsier Studios, ve ne prego, la prossima volta cercate di dotare il vostro franchise di una durata leggermente più lunga! C'è da dire, però, che questa esperienza risulta notevole anche impersonando questo nuovo e sfortunato piccolo personaggio. E’ innegabile che la varietà stavolta è ridotta ai minimi termini, soprattutto pensando al bestiario che si limita  alla cara Nonnina che ci aspetta nel fondo dell’acqua per attaccarci come il peggior squalo omicida mai approdato al cinema. Ma proprio questa dolce figura tanto umida quanto angosciante riesce a far diventare le due ore di gioco una esperienza horror degna di essere giocata, con cuffie annesse e soprattutto buio pesto intorno a noi. La struttura dei livelli anche stavolta è resa in maniera lodevole, con il ritorno dei famigerati giochi di luce ed ombre che rendono tutta la scenografia ancora più tetra. Insomma, The Depths, soprattutto se avete apprezzato Little Nightmares, è un DLC che va sicuramente acquistato. Magari ad occhi chiusi, così non vedrete tutto l’orrore che attende il povero Fuggitivo.
7
Articolo precedenteStranger Things 2: la data di uscita ufficiale!
Articolo successivoGet Even
Dopo la visione di “Grosso Guaio a Chinatown” a 10 anni, la mia più grande passione è diventata il cinema. Poco dopo gli adorati schiacciapensieri vengono surclassati dall'arrivo di un computer di nome “ZX Spectrum”. Scatta così l’amore per i videogiochi e la tecnologia. E le serie TV? Quelle ci sono sempre state, da "Il mio amico Arnold" fino a "Happy Days".