Cattiverie a domicilio, nei cinema ad aprile il film di Thea Sharrock che demolisce il perbenismo

0

Dopo il successo di pubblico nel Regno Unito, arriva nelle sale italiane Cattiverie a domicilio, commedia irriverente dal risvolto drammatico scritta da Johnny Sweet e diretta dalla regista inglese Thea Sharrock (Io prima di te, L’unico e insuperabile Ivan).

Tratto da un’incredibile storia vera avvenuta cento anni fa in una cittadina costiera dell’Inghilterra, il film vanta un cast stellare che comprende Olivia Colman e Jessie Buckley; le due attrici  tornano insieme sul grande schermo dopo La figlia oscura, opera prima di Maggie Gyllenhaal.

Nel cast anche una caparbia Anjana Vasan nel ruolo della poliziotta Gladys Moss, prima e unica donna in un mondo tutto al maschile in cui fatica a farsi strada.

Il film è ambientato nel 1922. Una cittadina affacciata sulla costa meridionale dell’Inghilterra è teatro di un farsesco e a tratti sinistro scandalo.

Basato su una bizzarra storia vera, Cattiverie a domicilio segue le vicende di due vicine di casa: Edith Swan (Olivia Colman), originaria del posto e profondamente conservatrice, e Rose Gooding (Jessie Buckley) turbolenta immigrata irlandese.

Quando Edith e altre sue concittadine iniziano a ricevere lettere oscene piene di scabrosità, i sospetti ricadono immediatamente su Rose.

Le lettere anonime scatenano una protesta a livello nazionale che scaturisce in un processo.

Saranno le donne – guidate dalla poliziotta Gladys Moss (Anjana Vasan) – a indagare sul crimine, sospettando che le cose potrebbero non essere come sembrano.

Una storia di riscatto al femminile, satira pungente contro l’ipocrisia religiosa del tempo ma anche storia attualissima pur risalendo agli anni ’20, quando invece che su internet e sui social media la rabbia verbale contro il prossimo esplodeva via posta.

Cattiverie a domicilio sarà nei cinema dal 18 aprile 2024.