Con 9 Nominations agli Oscar, due Golden Globe conquistati ed una gran parte della critica già completamente convinta,  Birdman (o l’imprevedibile virtù dell’ignoranza) arriverà il 5 febbraio nelle sale italiane, pronto a incantare anche il pubblico.

Distribuito da 20th Century Fox, l’ultimo lavoro del regista Alejandro G. Iñárritu, film d’apertura alla 71° Mostra del Cinema di Venezia, è una commedia surreale che racconta la vita di Riggan Thomson (Michael Keaton), ex stella di Hollywood, oggi attore in declino che cerca di riconquistare la fama attraverso uno spettacolo di Broadway.

La pièce si dimostrerà una prova decisiva per lo stesso Riggan che nel giro di tre giorni dovrà fare i conti con il suo ego da supereroe, (legato al suo vecchio personaggio di “Birdman”, appunto), i propri drammi familiari, soprattutto il suo rapporto con la figlia (interpretata da Emma Stone), e con il cast di attori di Broadway, (Edward Norton, Naomi Watts e Andrea Riseborough), tutti alla ricerca di una consacrazione professionale a qualsiasi costo.

Birdman è un film che alterna realtà a finzione, una serie infinita di piani sequenza scanditi dall’eccezionale musica di Antonio Sanchez, un susseguirsi di dialoghi introspettivi che rendono la lotta per l’ego così tragica e così comica allo stesso tempo.

I personaggi, tutti impantanati nella propria insoddisfazione, bramano il palco di Broadway come unico momento di rivalsa, senza contare le implicazioni psicologiche che devono affrontare.

E’ proprio in quel momento che Birdman, in un crescendo di emozioni, ci ricorda a tratti l’opera di Darren Aronofsky, Il cigno nero, con la protagonista Natalie Portman, implicata in una lotta con il proprio io per interpretare il suo ruolo fino in fondo.

Una lotta senza esclusione di colpi che dovrà intraprendere anche Michael Keaton: Birdman è un uccello piumato che parla alla nostra coscienzaha dichiarato Keaton, durante un’intervista a VeneziaSta a noi dover trovare il modo giusto per guidare la macchina e tenere il nostro ego al posto del passeggero”.

Dove vedere Birdman
COMMENTO
Birdman è un film che alterna realtà a finzione, una serie infinita di piani sequenza scanditi dall’eccezionale musica di Antonio Sanchez, un susseguirsi di dialoghi introspettivi che rendono la lotta per l’ego così tragica e così comica allo stesso tempo.
7
Articolo precedenteStill Alice – Recensione
Articolo successivoTurner – Recensione