Il nuovo original movie Disney+ ci trasporta nella fredda e affascinante Alaska nell’inverno del 1925. Il film racconta la storia vera e mai diffusa in cui Leonhard Seppala (William Dafoe) e i suoi cani da slitta affrontano l’insidiosa tundra dell’Alaska per recuperare un importante siero per curare decine di bambini.

Sono quasi mille i chilometri che separano il piccolo paese Nome dal luogo in cui si trova la preziosa medicina.

Ma non sarà l’enorme distanza a mettere in pericolo la vita di Leonhard, bensì una violenta e inusuale tempesta di neve che sembra non cessare mai.

UN CANE COME LEADER ED EROE

La slitta di Leonhard è capeggiata da un cane fuori dal comune, un husky di nome Togo. La sua tenacia nel comandare i suoi simili è comparabile solo alla sua enorme forza di volontà, che fin da piccolo gli ha permesso di diventare quello che è, un cane formidabile.

Togo, quando ancora era un cucciolo, sembrava essere il classico cane che non poteva avere alcun futuro nei ranghi di corridore da slitta.

L’animale appariva debole e, soprattutto, aveva un carattere ribelle che non permetteva a Leonhard di imporgli una severa educazione, fondamentale per partecipare alle lunghe corse assieme agli altri suoi simili.

Sembrava certo il destino di Togo, ovvero diventare un banale cane domestico in casa di qualche annoiata signora facoltosa. Ma l’intelligenza di Togo era troppo dirompente per essere confinata in una lussuosa e anonima abitazione.

Il cane, oltre ad essere brillante, è molto veloce, due attitudini ideali per diventare un futuro cane da slitta. D’altronde la moglie di Leonhard (Julianne Nicholson) aveva da subito percepito le potenzialità dell’husky, a differenza del marito che più volte aveva abbandonato l’idea di addestrarlo.

TOGO E’ L’UNICA SPERANZA

Togo oramai è un cane adulto e pieno di esperienza, nonché l’unico capace di portare a termine una missione apparentemente impossibile da affrontare.

La tempesta ruggisce davanti allo sguardo fiero e impassibile di Leonhard, e la neve ghiacciata e resa quasi tagliente dal furore del vento non sembra scalfire la sua pelle rugosa.

Non c’è più tempo per pensare e programmare altre modalità di recupero del  siero, anche perché non esistono altre soluzioni.

I lamenti dei bambini riempiono le strade fredde di Nome e lacerano gli animi di padri e madri. Bisogna partire a ogni costo.

AVVENTURA E PATHOS

Togo è un film che riserva moltissime scene avventurose. William Dafoe per gran parte della visione è l’unico protagonista delle pellicola, assieme ai suoi fieri cani che obbediscono agli ordini impartiti da Togo.

La regia è abile nel rappresentare i luoghi aspri e ghiacciati dell’Alaska, tramite emozionanti scene che si focalizzano sulla veloce marcia della slitta di Leonhard, che macina chilometri e chilometri senza pensare nemmeno ad una sosta per rifocillarsi.

Il vento, la tempesta e il ghiaccio: tutti questi elementi ce la mettono tutta per far desistere l’uomo e la sua slitta di cani. Quelli che un tempo erano laghi ora sono pericolose e scricchiolanti lastre di ghiaccio, che potrebbero rompersi da un momento all’altro se qualcuno ci passasse sopra a grande velocità.

Leonhard non può tirarsi indietro e per scegliere la via più breve e risparmiare tempo prezioso deve varcare queste enormi distese ghiacciate, rischiando la sua incolumità.

Proprio le scene in cui il ghiaccio irrompe davanti agli occhi di Leonhard sono quelle più coinvolgenti: ogni metro che percorrono potrebbe rappresentare per loro la fine della missione e impartirgli una orribile morte nel fondo di un lago ghiacciato.

I VERI EROI SPESSO NON SONO CELEBRATI

Come ve ne accorgerete durante la visione del film, Togo non solo vuole narrare una appassionante storia vera, ma celebrare un eroe a quattro zampe che purtroppo non ha avuto tutte le attenzioni che meritava.

Leonhard durante la sua corsa contro il tempo e la morte dovrà fare affidamento anche ad altri capi slitta che incontrerà durante il tragitto, e far risparmiare così vitali chilometri di strada ai suoi cani stremati, procedendo secondo un percorso a staffetta.

La gloria che spetta a Leonhard e soprattutto a Togo, dopotutto, non sarà ricordata nei libri di storia, a causa di un altro cane che divenne famoso per meriti, in parte, fortuiti.

Un colpo di scena che rende giustizia al nome di Togo, che da solo è riuscito a condurre una missione incredibilmente rischiosa e difficoltosa.

Dove vedere Togo: una grande amicizia
COMMENTO
Togo è una bella avventura da vedere, piena di emozioni e in parte anche commovente. La storia di questo cane, della sua educazione e della sua spropositata costanza nel diventare un grandioso cane slitta non può che appassionare. William Dafoe è perfetto nel ruolo di uomo indurito dal freddo e dalla vita, che è comunque capace di intenerirsi davanti ad un animale leale ed eroico come non mai. Togo è un film adatto a tutta la famiglia, che non osa drammatizzare in alcun modo la vicenda narrata, ma che sa efficacemente mettere in risalto tutta l’eroicità di questo husky e lo splendido rapporto che si viene a creare con il suo padrone e la sua padrona. Da sottolineare che quest’ultima fu la prima che con un pizzico di intelligente sesto senso aveva da subito capito il potenziale dell’animale. E poi il nome di Togo con questo film viene per la prima volta valorizzato e messo al centro di una meritevole attenzione, un fatto che non era mai accaduto in favore di un altro cane a cui sono stati attribuiti forse troppi meriti. Ecco, caro Togo, ora i riflettori sono tutti puntati su di te, te lo sei sicuramente meritato.
7.6
Articolo precedenteTrolls World Tour: il nuovo film DreamWorks è disponibile su Rakuten TV
Articolo successivoTT Isle of Man – Ride on the Edge 2 convince la critica, il titolo arriva su Switch a maggio
Dopo la visione di “Grosso Guaio a Chinatown” a 10 anni, la mia più grande passione è diventata il cinema. Poco dopo gli adorati schiacciapensieri vengono surclassati dall'arrivo di un computer di nome “ZX Spectrum”. Scatta così l’amore per i videogiochi e la tecnologia. E le serie TV? Quelle ci sono sempre state, da "Il mio amico Arnold" fino a "Happy Days".