La piccola città di Mill Valley si prepara a festeggiare, come ogni anno, la terrificante notte di Halloween. E’ il 1968 e l’America fronteggia il Vietnam nella sua più assurda guerra.

Soprattutto gli adolescenti hanno una grande voglia di divertirsi. Molti di loro sono in fibrillazione temendo che da un momento all’altro arrivi la fatidica cartolina che li costringa a partire per partecipare al conflitto e mettere fine, con molta probabilità, alla loro giovane vita.

Stella (Zoe Margaret Colletti), Auggie (Gabriel Rush) e Chuck (Austin Zajur) sono tre amici di vecchia data fortemente intenzionati a godersi la nottata più lugubre e divertente d’America.

Questa sera però non andranno solamente in giro mascherati a chiedere dolciumi agli sconosciuti: una dolce vendetta è in procinto di essere messa in atto nei confronti del bullo Tommy Milner (Austin Abrams), reo di rendere la loro vita spesso più difficile del solito.

LA LEGGENDA DELLA FAMIGLIA BELLOWS

Ogni città ha le sue leggende metropolitane, e Mill Valley non sfugge a questa regola non scritta. Le spaventose storie che si susseguono da anni riguardano la famiglia Bellows, nota per aver fondato la città.

I Bellows avevano una figlia femmina di nome Sarah, accusata di aver avvelenato alcuni bambini senza un motivo certo. Una storia losca e con tanti interrogativi irrisolti, che durante la notte delle streghe è ideale da raccontare per spaventarsi a vicenda.

A Mill Valley è presente ancora  la grande e grigia casa dei Bellows, che sarà la destinazione casuale di Stella e i suoi amici per tentare di fuggire dalle ire di Tommy. All’interno i ragazzi troveranno un particolare libro scritto con il sangue, che ha la capacità di imbastire storie orribili in cui sembra che i protagonisti siano proprio loro.

COME AI VECCHI TEMPI

Scary stories to tell in the dark è basato sulle storie dell’autore e giornalista americano Alvin Schwart, noto per aver scritto diversi libri contenenti racconti horror destinati ai più giovani.

Un’ottima occasione per produrre un film che prenda spunto proprio da queste fiabe spaventose in cui albergano leggende mostruose e situazioni angoscianti, relegate spesso al mondo dei più giovani, da sempre vittime preferite dagli autori del terrore.

Il film riesce con successo a offrire atmosfere horror che molti di noi hanno vissuto durante gli anni ’80, quando la minaccia spesso era rappresentata da un mostro creato da una montagna di silicone e, soprattutto, l’abilità degli artigiani che creavano gli effetti speciali.

In Scary stories to tell in the dark le creature che Stella e i suoi giovani amici andranno ad affrontare sono mostri incredibilmente realistici, che non si rifanno alla computer grafica per mostrarsi sullo schermo.

Queste creature sembrano reali,  e sfoggiano una notevole cura affinché appaiano così minacciose da diventare protagoniste degli incubi di qualche spettatore impressionabile.

UN BUON HORROR

Scary stories to tell in the dark è un horror convincente, che riesce a divertire e spaventare grazie ad un’ottima regia e alla presenza di mostruosità inquietanti.

Le icone del mondo dell’orrore non mancano in questo film, a partire dall’indimenticabile spaventapasseri che campeggia sul poster ufficiale del film, primissimo protagonista delle disavventure horror dei giovani attori coinvolti nel film.

L’orribile pupazzo che si usa per atterrire gli uccelli (e anche noi esseri umani, a essere sinceri) da sempre accompagna le paure più oscure e infantili di tutti noi, e la sua presenza nel film non può che conquistare il pubblico amante delle atmosfere dark più genuine.

Ma Scary stories to tell in the dark non si ferma qua, e continua a mostrare paure ataviche largamente condivisibili da ognuno di noi.  D’altronde le storie raccontate dal libro maledetto prendono spunto proprio da tutto ciò che spaventa di più i poveri ragazzi protagonisti di questa avventura di morte e paura.

Dove vedere Scary Stories to Tell in the Dark
COMMENTO
Fin dal primo trailer presentato, Scary stories to tell in the dark sembrava che fosse proprio il film ideale per passare una serata al cinema con tematiche horror sempre attuali e soprattutto cariche di orrore. Le aspettative erano alte, e con esse anche una probabile delusione. Delusione che, per fortuna, non si è palesata durante la visione del film. Con una regia veloce ed efficace nel mostrare l’orrore patito dalle giovani vittime protagoniste, e soprattutto una sceneggiatura che sa dosare perfettamente gore e suspense, Scary stories to tell in the dark è un horror più che consigliato. Se poi pensiamo agli effetti speciali, quasi tutti curati “alla vecchia maniera”, è facile farsi sedurre dal nuovo film prodotto da Guillermo Del Toro. Tornano i mostri al cinema, quelli minacciosi che non amano nascondersi dietro a prevedibili jump scares. Non possiamo fare altro che fuggire.
7.5
Articolo precedenteLucca Comics and Games 2019: Netflix rilascia il teaser della mappa di Lucca a tema ‘The Witcher’
Articolo successivoThe Grudge presenta il poster ufficiale
Dopo la visione di “Grosso Guaio a Chinatown” a 10 anni, la mia più grande passione è diventata il cinema. Poco dopo gli adorati schiacciapensieri vengono surclassati dall'arrivo di un computer di nome “ZX Spectrum”. Scatta così l’amore per i videogiochi e la tecnologia. E le serie TV? Quelle ci sono sempre state, da "Il mio amico Arnold" fino a "Happy Days".