Mei Lee non è più una bambina, perché ha compiuto tredici anni. Sono oramai passate tredici primavere da quando Mei era una indifesa neonata che dipendeva unicamente dal sostentamento di mamma e papà.

Sebbene non sia ancora adulta, la protagonista del nuovo film Pixar, disponibile in streaming su Disney+, deve fare i conti con un periodo turbolento caratterizzato da numerose emozioni, che coinvolgono la timidezza, la rabbia e, soprattutto, la ribellione.

Mei da sempre è una figlia modello: incredibilmente abile negli studi, colleziona ottimi voti nelle più disparate materie.

Anche a casa Mei non è da meno, perché è sempre contenta di aiutare la madre Ming a tenere in ordine il loro splendido tempio cinese, uno dei più grandi e rappresentativi di tutta Toronto.

Un’adolescente che potrebbe essere portata come modello rappresentativo di come ci si dovrebbe comportare con i propri genitori e con l’autorità scolastica, nonché  un fulgido esempio di come l’autorità genitoriale porti i suoi frutti.

Ma allo scoccare dei tredici anni qualcosa cambia dentro Mei. Il suo equilibrio emotivo ora è  instabile e le emozioni sembra che prendano il sopravvento sul suo atteggiamento posato e riverente.

IL PANDA ROSSO CHE CAMBIA LA VITA

Non deve essere facile alzarsi un giorno dal proprio letto, specchiarsi e notare come la propria fisionomia sia cambiata radicalmente.

Quello a cui sta assistendo Mei non è solo un turbinio emozionale che la sta trasformando da bambina ad adolescente, ma un vero e proprio, radicale, cambiamento fisico.

Invece che essere una bambina dagli occhi grandi e il sorriso smagliante, Mei si ritrova ad essere all’improvviso un enorme e peloso panda rosso.

Come è potuto succedere? L’unica cosa che la protagonista ricorda è che prima di questo incredibile cambiamento stava provando una forte emozione.

Sembra proprio che ogni trasformazione sia legata al suo stato d’animo e che questa curiosa maledizione appartenga alla sua famiglia da tantissimi anni.

UN FILM TUTTO AL FEMMINILE

Red è diretto dalla regista Domee Shi, artista già coinvolta in diverse opere Pixar ma mai come regista, se si esclude l’esperienza fatta con il corto Bao nel 2018, che risulta essere il primo film breve Pixar diretto da una donna.

Oltre a Domee Shi, gran parte del team creativo di Red è composto da donne, una situazione ideale per avere quella sensibilità  artistica utile per descrivere tutte le diverse disavventure emozionali che si susseguono nella vita di Mei, comprese quelle esperienze dolorose che tutti i mesi creano disagi in ogni corpo femminile.

Red è ambientato nel 2002, periodo in cui gli adolescenti si divertivano con il Tamagochi ed internet non era ancora una tecnologia così invasiva.

Erano presenti anche i cellulari nei primi anni 2000, ma apparivano decisamente più discreti avendo solo la possibilità di inviare messaggi testuali e così incapaci di invadere la privacy con riprese video e fotografie fuori luogo.

La tecnica grafica di Red fa largo uso di colori sgargianti e intensi, perfetti per sottolineare facilmente il carattere vivace ed entusiasta di Mei.

Il tratto grafico di Red è simile a quello di un anime, da come si può facilmente vedere osservando le accentuate espressioni della protagonista, che sfoggia enormi sorrisi e sguardi languidi attraverso i suoi grandi occhi, proprio come possiamo saggiare in altre opere animate di matrice orientale.

La direzione artistica di Red è, quindi, chiaramente rivolta a rappresentare il mondo di Mei secondo la sua verve gioviale e adolescenziale, servendosi di una regia incalzante  e di un montaggio rapido e arricchito da numerosi brani musicali dal ritmo sostenuto, scritte da Billie Eilish e Finneas O’Connell.

UN RACCONTO DIRETTO

Mei è una ragazzina esuberante e spontanea, e la sceneggiatura di Red riprende proprio il suo modus vivendi.

La storia di Red è priva dei tratti filosofici e sottili che hanno caratterizzato altre opere di Pixar. I concetti che Mei vuole esprimere non sono sussurrati, bensì urlati all’indirizzo di sua madre, una donna piena d’amore per la figlia ma che si comporta in modo autoritario.

Vittima di un’educazione simile,  Ming è decisa ad impartire alla figlia una direzione comportamentale che preveda un atteggiamento che punti a soffocare le emozioni, viste come palpitanti minacce all’equilibrio mentale di un individuo.

Il panda rosso rappresenta il simbolo perfetto della ribellione insita in Mei e della sua capacità a gestirlo. Dapprima visto come un ingombrante  e pesante fardello, la rossa creatura a poco a poco diventerà parte dell’esistenza della protagonista in modi imprevedibili.

E’ proprio attraverso questo gigantesco panda che Domee Shi vuole esorcizzare tutte le paure legate all’affacciarsi di emozioni prima sconosciute, che si scontrano immancabilmente con la figura dei proprio genitori e, nel caso di Mei, soprattutto con quella materna.

Dove vedere Red
COMMENTO
Scordatevi i film Pixar volutamente orientati ad una platea adulta, perché Red è un’opera animata che non ha alcuna intenzione di snobbare il pubblico dei ragazzi adolescenti. Anzi, a dirla tutta l’ultimo film Pixar si rivolge proprio a loro, giovani vittime della comparsa inaspettata di roboanti emozioni che soggiacciono allo sbocciare della propria adolescenza. Pulsioni emotive incredibilmente forti, che sono sicuramente da gestire ma mai da frenare. Il primo film diretto Domee Shi racconta esperienze dirette della sua vita e per farlo si serve di una regia dinamica e di un disegno animato che sottolinea l’espressività dei personaggi, proprio come è possibile ravvisare negli anime orientali. Sebbene la storia di Red possa sembrare priva di guizzi artistici e contenutistici come molti lungometraggi Pixar ci hanno abituato durante questi anni, il pregio di Red è quello di raccontare una storia in modo diretto, mostrando anche dettagli dell’intimità femminile che spesso non vediamo mai in questo genere di film. Red è un’opera che rispecchia l’animo femminile della regista e che sa esprimere efficacemente tutte le difficoltà che una educazione matriarcale potrebbe causare ad una adolescente. Mei non solo è intenta a dar voce alle proprie pulsioni emotive, ma anche a staccarsi dalla comfort zone genitoriale che sua madre, inconsciamente o meno, vorrebbe che facesse sempre parte della vita della figlia. Red è un film diretto agli adolescenti, ma che potrà essere goduto perfettamente anche dal pubblico adulto, che sicuramente avrà vissuto quei difficili momenti della protagonista.
7.5
Articolo precedenteThe Boys, il sorprendente teaser è online: in video un Butcher inedito
Articolo successivoDiavoli, il trailer svela la data di esordio della seconda stagione
Dopo la visione di “Grosso Guaio a Chinatown” a 10 anni, la mia più grande passione è diventata il cinema. Poco dopo gli adorati schiacciapensieri vengono surclassati dall'arrivo di un computer di nome “ZX Spectrum”. Scatta così l’amore per i videogiochi e la tecnologia. E le serie TV? Quelle ci sono sempre state, da "Il mio amico Arnold" fino a "Happy Days".