Roberto De Niro in Nonno scatenato interpreta un arzillo signore anziano di nome Dick che ha appena perso sua moglie. Al funerale rivede dopo alcuni anni il nipote Jason (Zack Efron), ragazzo fin troppo serio che a giorni convoglierà a nozze.

Ma Dick ha un piccolo favore da chiedere a Jason: un paio di giorni passati assieme a Daytona Beach per giocare a golf in tutta tranquillità.

Ma le vere intenzioni del nonno sono altre, e tutte si rifanno alla voglia di fare baldoria e… Sesso!

Nonno scatenato è un film sopra le righe, che mostra l’icona Robert De Niro alle prese con un personaggio decisamente poco incline alla sobrietà ed intento ad andare dietro a tutte le ragazze carine che incontra sulla sua strada.

Anche il linguaggio di Dick non nasconde in alcun modo la sua innata voglia di avere esperienze sessuali, con riferimenti espliciti a tutti gli attributi femminili che possano rendere la vita di un uomo migliore.

Di primo acchito osservare De Niro che si comporta come un teenager schiavo di pulsioni fisiche è strano, e lo è ancora di più vederlo alle prese con un atto di autoerotismo.

Ma dopo il piccolo “shock iniziale”, la sceneggiatura inizia a delineare in maniera migliore la personalità del personaggio, mostrandolo su schermo come un uomo speciale che ha un passato da sempre nascosto a suo nipote ed a tutti i familiari.

Accanto a lui, sua nemesi, vi è un Zack Efron puritano, avvocato con una splendida carriera alle porte e borghese fino al midollo.

Ma la sua vita non è stata sempre così, perché proprio negli anni in cui frequentava nonno Dick in verità amava fare il fotografo e godere di una vita scevra di regole sociali che imponessero il successo come imperativo.

I due nel viaggio che li porterà a Daytona Beach ne faranno di cotte e di crude, conoscendosi e completandosi a vicenda fra una gara di bevute di birra e splendide ragazze in costume.

Sarà difficile che le spettatrici del film non traggano un certo godimento nell’osservare il simpatico Efron essere praticamente nudo durante alcune scene, sfoggiando un fisico, per essere franchi, decisamente invidiabile.

Nonno scatenato è un film che, tutto sommato, funziona. A fronte del linguaggio il più delle volte volgare ed i riferimenti sessuali spesso forzati che usa De Niro, la sceneggiatura riesce ad inserire anche alcune pillole di buonsenso che suggeriscono in maniera funzionale come dovrebbe essere una vita felice.

I due durante la loro piccola vacanza assieme riescono a conoscersi meglio; Dick ha la capacità di comprendere che suo nipote sposandosi non andrebbe incontro ad una vita felice, perché in verità la carriera da avvocato rampante non sarebbe affatto  adatta al suo carattere.

In questo film, nascosta tra le belle ragazze e le battutacce di De Niro, vi è una discreta critica alla diffusa idea, tipicamente americana, che una vita felice e realizzata è solo quella in cui vi è il successo ed il conseguente guadagno.

Anche i diversi orientamenti sessuali sono difesi dal buon Dick, che intraprende una movimentata rissa per difendere un ragazzo omosessuale che conosce  durante le scorribande in spiaggia.

Il film denuncia anche una realtà imperante: oramai gli “anziani” come li conoscevamo quindici, oppure venti anni fa, non esistono più.

Ormai la vita si è allungata, e questi signori diversamente giovani riescono spesso a mantenersi fisicamente in forma e non debbono invidiare nulla a persone più giovani, magari meno brillanti e con meno personalità.

Importanti anche le dichiarazioni che Dick fa a suo nipote riguardo alla voglia di avere esperienze sessuali, dal momento che, purtroppo, erano anni che non ne aveva con sua moglie.

Un’altra dichiarazione che ha un certo valore, e che sdogana finalmente la strana idea che una persona avanti con gli anni non debba avere alcuna pulsione sessuale.

Nonno scatenato è dunque un film dalla doppia anima: una incredibilmente irriverente, a tratti volgare e fuori luogo. Un’altra, quella migliore, che riesce a far funzionare in maniera congeniale la coppia De Niro/Efron, approfittando dell’espressività di questi due attori per far emergere alcuni concetti fin troppo importanti e basilari per ognuno di noi.

Dove vedere Nonno scatenato
COMMENTO
Nonno scatenato è un film che, tutto sommato, funziona. A fronte del linguaggio il più delle volte volgare ed i riferimenti sessuali spesso forzati che usa De Niro, la sceneggiatura riesce ad inserire anche alcune pillole di buonsenso che suggeriscono in maniera funzionale come dovrebbe essere una vita felice.
7
Articolo precedenteL’età d’oro – Recensione
Articolo successivo22.11.63 – Recensione
Dopo la visione di “Grosso Guaio a Chinatown” a 10 anni, la mia più grande passione è diventata il cinema. Poco dopo gli adorati schiacciapensieri vengono surclassati dall'arrivo di un computer di nome “ZX Spectrum”. Scatta così l’amore per i videogiochi e la tecnologia. E le serie TV? Quelle ci sono sempre state, da "Il mio amico Arnold" fino a "Happy Days".